SERVIZIO CLIENTI: 366.1777934 
Lun / Ven, 9:00/13:30 - 14:30/18:00, contattaci con WhatsApp!

INSTALLA L'APP UFFICIALE BENEBENISSIMO + 5 € di sconto 

BeneBenissimo Whatsapp
Bene Benissimo | La tua farmacia on-line, sicura, professionale e conveniente!
La tua farmacia on-line, sicura, professionale e conveniente!
Clicca qui per verificare se questo sito web è legale

La forfora

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

forfora capelli

La forfora o pitiriasi è un’anomalia del cuoio capelluto, molto diffusa, che colpisce persone di tutte le età.
La forfora, spesso accompagnata da prurito al cuoio capelluto, si manifesta con abbondante desquamazione della cute dei capelli e la comparsa di piccole scaglie biancastre di pelle, ovvero residui di cellule morte il cui ricambio avviene in forma accelerata e anomala. 

Le cause

La forfora può avere diverse cause: cute grassa, problemi ormonali, cuoio capelluto sensibile, stress, malattie autoimmuni e disfunzioni cardiache. Naturalmente può essere correlata ai prodotti che si usano che magari contengono sostanze aggressive che causo eccessiva produzione di sebo o danno luogo a dermatiti.

Certo, anche la scarsa igiene è una delle cause ma lo sono anche le intolleranze ai latticini ad esempio, o alla frutta secca, al cioccolato o ai frutti di mare. Quindi anche dal punto di vista alimentare possiamo ricercare delle cause: un consumo elevato di grassi, zuccheri e amidi può causare l’insorgere della forfora.

Da non dimenticare il fattore ereditario, per cui se si ha almeno un genitore che ne soffre o ne ha sofferto è facile avere una predisposizione genetica al problema.

I sintomi

La forfora è composta da scagliette bianche che si ammassano fra loro e che possono avere consistenza cerosa o grassa, da origine a prurito e cute secca.
Solitamente si formano nella parte superiore della testa

 

Esistono due tipi di forfora:

Forfora Secca

La pelle del cuoio capelluto è disidratata e le squame fini e biancastre si staccano senza particolari segni di irritazione cutanea. La produzione di forfora secca aumenta nel periodo invernale e può ulteriormente incrementarsi nei periodi di maggiore stress. Il prurito alla testa è un sintomo che si manifesta in forma non eccessiva, ma tale da suscitare il bisogno di grattarsi. Non si produce caduta dei capelli, ma l’effetto antiestetico è evidente;

Forfora Grassa

La cute dei capelli è grassa e produce squame spesse e giallastre che si staccano dal cuoio capelluto. Spesso la seborrea si accompagna alla desquamazione rendendo i capelli unti e la cute oleosa. Con la forfora grassa si manifesta anche un forte prurito alla testa, con rischio di dermatite seborroica e caduta di capelli.

 

Buone pratiche per prevenire e combattere la forfora sono:

  • lavarsi i capelli quotidianamente aiuta a combattere la forfora secca evitando un ulteriore accumulo di sebo sulla cute;
  • in caso di forfora grassa, invece, evitare lavaggi troppo frequenti e prolungati massaggi al cuoio capelluto, in modo da non stimolare la produzione di sebo in eccesso;
  • curare l’alimentazione. Assicurare l’apporto di aminoacidi solforati, omega-3, antiossidanti e vitamine del gruppo B, presenti in frutta, verdura, carni magre e pesce;
  • ridurre l’uso di cosmetici. Gel, lacche e mousse, possono risultare irritanti per il cuoio capelluto, rendendolo più debole e aumentando il prurito associato alla forfora; questo discorso è in genere tanto più veritiero quanto più economico è il prodotto utilizzato.

  

Scopri nella farmacia online benebenissimo.it ad un prezzo conveniente i prodotti benessere shampoo.


Continua...


Prodotto aggiunto al tuo carrello
Mostra il carrelloMOSTRA ACQUISTI